3.1 consigli pratici per calmare la Monkey Mind

Ti ritrovi frequentemente a rimuginare
Ti è difficile goderti il momento presente
Stress e pensieri negativi ti risucchiano un sacco di energie?

Questo comportamento irrequieto della mente è stato paragonato dai buddisti a quello di una scimmia.

Come una scimmia salta di ramo in ramo, la mente passa continuamente da un pensiero all'altro. La mente scimmia è irrequieta, si fa guidare dalle emozioni. E' impulsiva, capricciosa e indecisa.

Questa analogia aiuta a comprendere in modo efficace l'incapacità della mente di restare fermare e mantenere un'attenzione consapevole su ciò che accade attorno a te.

La mente chiacchierona crea un costante rumore di fondo che rende impossibile essere presenti e focalizzati sul qui ed ora. Il suo comportamento indisciplinato e selvaggio è completamente fuori controllo.

"La mente è come una scimmia pazza che scalpita per sfuggire il momento presente"

3 importanti ragioni per non sottovalutare la mente scimmia.

​1) E' pessimista e ripete sempre le stesse cose.

La mente scimmia è una gran chiacchierona. Purtroppo conosce solo poche frasi e le ripete all'infinito.

Infatti, secondo il ricercatore Fred Luskin della Stanford University l'adulto medio ha circa 60.000 pensieri al giorno e tipicamente l'80% di questi è lo stesso della giornata precedente. E quella precedente ancora.

Non solo. Per via di una certa predilezione della mente ad andare a pescare nel marcio, gran parte di questi pensieri sono di natura negativa.

Questo fenomeno è noto anche come negativity bias.

Ecco perché tendi a ricordare con più facilità una critica negativa piuttosto che un complimento. Oppure perché ti ritrovi più spesso a rimuginare su qualcosa di spiacevole invece che sulle esperienze positive.

2) Le sue bugie ti impediscono di essere felice.

L'incapacità di godersi il momento presente, conduce all'illusione che la felicità si trovi sempre in qualche momento futuro migliore.

Quando arriverà il weekend, quando avrai terminato gli studi, quando sarai in vacanza, trovato un lavoro, quando i bambini saranno grandi, quando avrai ottenuto questo o quell’altro.

Questo atteggiamento ti può fare dimenticare un fatto molto importante. L’unico momento in cui la vita si manifesta ed è possibile essere felici è il momento presente.

Così mentre sei assorto nel ruminio mentale il qui e ora ti scivola via e finisci per sprecare i preziosi secondi della tua vita, preoccupandoti di ciò che sarà o rimuginando su ciò che è stato.

3) Mette a repentaglio la tua salute.

Non solo il continuo rimuginare negativo ostacola la tua felicità, ma se protratto nel tempo può condurre ad un accumulo di stress che può comportare numerose conseguenze negative sul tuo stato di benessere.

Diverse ricerche hanno infatti mostrato come lo stress provochi dei cambiamenti a lungo termine nella struttura fisica del cervello, sia negli animali sia negli esseri umani.

Quali sono gli effetti dello stress sul corpo?

  • Perdita di capelli
  • Tensione muscolare
  • Reazioni cutanee, dermatiti, eczema
  • Problemi di sonno.
  • Problemi cardiaci.
  • Difficoltà di concentrazione

La distrazione è il problema principale per tutti noi - ciò che il Buddha chiamò  mente scimmia.  Dobbiamo domare questa mente scimmia.  Tenzin Palmo

Perchè è cosi difficile placare la scimmietta mentale?

Anche se tu fai parte della ristrettissima fascia di persone più consapevoli su certe tematiche, altrimenti non ti troveresti su questa pagina :-), ti sarai accorto che gestire la tua attività mentale è un compito piuttosto arduo. 

Per calmare la mente scimmia potresti aver già provato uno di questi sistemi: distrarti, pensare ad altro, sostituire un pensiero negativo con un altro positivo. Nei casi migliori :-)

Purtroppo queste strategie risultano inefficaci perchè sono solo pezze temporanee. Agiscono sul sintomo e non sulla causa.  

Questa attività mentale fuori controllo si basa infatti su un utilizzo disfunzionale dell'attenzione.

Il modo in cui dirigi l’attenzione durante la giornata ha un profondo impatto sul tuo pensiero, sulle tue emozioni e sui tuoi comportamenti.

Quando sei nel qui e ora, quando ti senti bene con te stesso e le altre persone utilizzi infatti l’attenzione in un modo drasticamente diverso rispetto a quando provi paura, sei preoccupato, teso o perso in loop di pensiero negativi.

Per imparare ad utilizzare l'attenzione in modo sano, ecco 3 esercitazioni semplici ed efficaci da praticare durante la giornata.

Come calmare la monkey mind: 3.1 consigli pratici

1) Porta l'attenzione sul respiro.

La respirazione è utilizzata come strumento chiave in molte pratiche meditative anche perché potendo aver luogo solo nel momento presente, può aiutarti ad ancorarti ad esso. Durante la giornata prenditi quindi 5 minuti, siediti e inizia a portare l'attenzione sul respiro.

Ogni volta che compare un pensiero, osservalo senza giudicare, senza cercare di cambiarlo e poi riporta l’attenzione sul respiro. Sperimenta cosa si prova a notare un pensiero con un atteggiamento d’accettazione.

2) Porta l'attenzione sulle attività quotidiane.

Prendi un’attività che tendi a ripetere tutti i giorni come mangiare o lavarti i denti e invece di eseguirla in modo robotico e automatico, presta attenzione all’esperienza sensoriale di ciò che fai.

Ad esempio, se ti stai lavando i denti nota la sensazione delle setole dello spazzolino a contatto con i tuo denti e con le gengive, lo scrosciare dell’acqua che esce dal rubinetto, il rumore causato dallo spazzolare. Potresti notare anche il profumo alla menta del dentifricio e il modo in cui impugni il manico dello spazzolino.

3) Porta l'attenzione sul corpo.

Anche questa è una pratica volta ad allenare il “muscolo” dell'attenzione e può essere un ottimo modo per rilassarti e sciogliere lo stress entrando in uno stato di piacevole rilassamento.

A fine giornata o in un momento a te congeniale, siediti e inizia a portare l’attenzione sulle diverse parti del corpo. Partendo dal cuoio capelluto scendi sulla fronte, le guance e prosegui giù fino alle dita dei piedi.

Come nell'esercizio precedente qualora affiorasse un pensiero limitati ad osservarlo senza giudicarlo, poi riporta l’attenzione sulla parte del corpo nella quale ti trovavi.

3.1) Porta l'attenzione sugli spazi.

Tra tutti i modi per calmare la mente scimmia, (e ne ho testati mooolti :-)) questo a mio avviso è quello di gran lunga più potente ed efficace. 

Le ricerche fatte al Princeton Biofeedback Centre hanno infatti dimostrato come dirigere in un certo modo l'attenzione sugli spazi sciolga come neve al sole stress ed emozioni negative.

Non solo: quando l'attenzione è diretta in un modo specifico sugli spazi, diverse aree del cervello producono onde alfa all’unisono. Queste onde sono segnali elettrici associati a stati di calma, benessere e che abbondano nel cervello dei monaci zen.

Su questa pratica è basata la Meditazione dell'Attenzione.

​Un utilizzo dell'attenzione disfunzionale è ciò che nutre la monkey mind.

La Meditazione dell’Attenzione è creata in modo specifico per equilibrare la vera causa della mente scimmia: un utilizzo scorretto dell’attenzione.

Più precisamente si tratta di un tipo di attenzione definita “narrow”, ossia ristretta, che alimenta emozioni negative e che spinge la mente a generare preoccupazioni, problemi e ansie.

Quando usi l'attenzione ristretta la mente scimmia balla la samba. :-)

Per concludere in bellezza ho qui qualcosa che ti piacerà... il Monkey mind test :-) In sole 6 domande scoprirai quanto è agitata la tua mente scimmia.  

CONTATTI     -    REGOLAMENTO     -    PRIVACY POLICY

AVVERTENZE: Il materiale e le informazioni presenti in questa pagina non intendono sostituirsi a nessun tipo di trattamento medico o psicologico, se sospetti o sei a conoscenza di eventuali disturbi fisici o psicologici sei invitato ad affidarti ad un trattamento medico o psicologico specifico. L'autore è un appassionato di crescita personale e non psicologo, medico, psichiatra e nè si dichiara tale. L’autore declina ogni responsabilità di effetti o di conseguenze risultanti dall'utilizzo del materiale e delle informazioni presenti in questa pagina.

Copyright 2012-2016 www.IperMind.com. Tutti i diritti riservati.